novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 18:00  -  Vernissage

SHARON FORMICHELLA – DREAMED IN JAPAN

A cura di Sandro Bini e Giulia Sgherri

Frutto di due differenti soggiorni in Giappone realizzati a distanza di qualche anno fra loro nell’Agosto del 2013 e del 2015, Dreamed in Japan è la storia di un innamoramento fra una fotografa e un paese e una cultura lontane e allo stesso tempo un bellissimo esempio di quanto distante possa portarci una passione vera ed un’autentica vena visionaria. Il Giappone di Sharon Formichella ha infatti una sostanza allo stesso tempo onirica e sensuale fatta di volti, corpi, animali. Il suo bianconero forte, contrastato, talvolta molto drammatico, è certamente debitore della lezione stilistica di Daido Moryama, ma rispetto al realismo diaristico ed esistenziale del grande fotografo giapponese impegnato in un lavoro di estenuante esplorazione del proprio mondo, quello di Sharon è giocoforza lo sguardo di una  straniera occidentale in cui al dato reale, si somma e si sovrappone una forte componente immaginaria che si sostanzia spesso nelle sue fotografie nella giustapposizione dei piani visivi e nell’ampio ricorso a immagini riflesse, sovrapposte e stratificate su superfici speculari come, ma non solo, nelle splendide fotografie realizzate nell’Acquario Kaiyukan di Osaka, che rimangono certamente fra le più emblematiche di questa storia.

Sharon Formichella, napoletana d’origine, vive in Toscana, a Prato. La pura e semplice curiosità le ha permesso di avvicinarsi al mondo della fotografia e questo interesse si è trasformato in una passione. Il suo percorso inizia dal 2012 quando ha iniziato a frequentare il Bacchino (un Fotoclub della città dove vive), tra una proiezione e l’altra, tra una chiacchiera con addetti ai lavori e qualche partecipazione agli incontri serali con fotografi “di mestiere”. La Fotografia le ha permesso di esprimere se stessa attraverso un’interpretazione personale del mondo. Una fotografia a prima vista semplice, che esprime la realtà complessa di ciò che i suoi occhi percepiscono del quotidiano.

Previous postTHE ALLOPHONES Next postCineteca Radici: IN VIAGGIO NEL MEDIOEVO - BRANCALEONE ALLE CROCIATE