novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

FESTA DELLE DONNE

IWSF – Associazione degli studi delle donne iraniane Firenze, in collaborazione con Combo Social Club, presenta:

h 19:30  -  Aperitivo e intervento

GOLNAZ AMIN

Parla la fondatrice  di IWSF – Associazione degli studi delle donne iraniane
Sarà presentata la ventottesima conferenza della Iranian Women’s Studies Foundation (IWSF) sul tema: “Ventunesimo secolo, Rinascimento femminile o regressione?”. L’iniziativa coinvolge professioniste e ricercatrici, artiste e scrittrici provenienti da diversi paesi e oltre a dibattiti, incontri  e tavole rotonde sul tema ospiterà spettacoli, performance, concerti e mostre.

h 21:00  -  Concerto

WORLD MUSIC WITH KIMIA

Voce | Kiamia Ghorbani
Chittara | Rumi
Musica popolare Iraniana

Kiamia Ghorbani, cantante e musicista di Teheran, Iran, matura la passione per la musica fin da quando è piccola: a 9 anni i genitori le regalano una tastiera ma le condizioni economiche non le permettono di prendere lezioni, a 17, grazie ad un lavoretto in libreria, si compra una tastiera più grande e si paga le lezioni di pianoforte. A 22 anni si iscrive al Conservatorio e lo frequenta per tre o quattro anni. Per mantenersi e per rivendicare la propria libertà inizia a cantare per strada. Nel 2012, si iscrive alla scuola italiana di Teheran per imparare la lingua. Chi passa l’esame ottiene il visto per l’Italia e chi passa l’esame in Italia ottiene un permesso di soggiorno come studente. Arriva in Italia, a Bologna, un paese che ama da sempre, chiede un prestito a una ragazza iraniana e s’iscrive al Conservatorio dove ottiene una borsa di studio. Kimia sottolinea di voler cantare in persiano e non in arabo, vuole gridare al mondo che esiste un paese che si chiama Persia, dove le donne vivono una condizione disperata. Desidera la libertà per un paese che nessuno ha mai aiutato. Vuole la felicità, la possibilità di ballare e cantare per strada e non al buio. Ha partecipato al contest The Voice, incantando il pubblico con la sua splendida voce a marzo del 2016.

Previous postCineteca Radici: IN VIAGGIO NEL MEDIOEVO - BRANCALEONE ALLE CROCIATE Next postSBARRE MIC CHECK