novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

FESTIVAL DELLA LEGALITÀ

A cura di “Il Gomitolo Perduto” ONLUS, con il patrocinio del Comune di Firenze, il contributo di Unicoop Toscana

h 21:30 Concerto

MIATRALVIA

Il concerto riciclato

I Miatralvia sono l’evoluzione dei progetti di educazione ambientale che la cooperativa sociale Lunezia (Pomponesco – MN) ha sviluppato fin da quando gestiva l’Ostello di Guastalla. Con i bambini e per i bambini i loro laboratori hanno sempre accarezzato la musica come strumento educativo per sensibilizzare al rispetto per la natura. Questo obiettivo ha dato vita con l’ausilio di collaboratori esterni a un gruppo musicale che suona solo materiali di scarto. Sono nati così i Miatralvia nel 2011 e da allora centinaia sono stati i concerti portati in giro per l’Italia, per scuole e Comuni, per grandi e piccoli.
I “Miatralvia” (tradotto: non buttarlo) suonano strumenti mai uguali, non fanno mai lo stesso suono e soprattutto non si sa mai chi suonerà cosa. Dipende da cosa si troverà quel giorno in discarica. Oggetti in disuso, accantonati alla rinfusa in un angolo all’uscita della stazione della metropolitana o ai bordi dell’autostrada, buttati in un naviglio cittadino, ai margini di un fiume, dietro dune di sabbia in riva al mare. Discariche abusive di rifiuti indifferenziati, cose di varie forme, colori, impieghi, abbandonate perché diventate inutilizzabili, dopo una vita. E non fanno rumore, ma incredibilmente della buona musica! Il loro repertorio riciclato spazia fra autori come Paolo Conte,  i Beatles, i Coldplay, Jannacci, i Ramones, De Andrè,  i Rolling Stones,  i Nirvana e tantissimi altri ancora.

Previous postFESTIVAL DELLA LEGALITÀ: L'ECOCRIMINALITA' OGGI. TRA PREVENZIONE E NUOVE PROPOSTE Next postALL'INDOMANI DELLE ELEZIONI FRANCESI: POPULISMO, EUROSCETTICISMO E ALTRO