novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

Nell’ambito del Festival degli Scrittori – Premio Gregor Von Rezzori
Firenze I luoghi della letteratura
In collaborazione con Associazione culturale La Nottola di Minerva

h 11.00 Colazione con  gli autori del Festival Von Rezzori

UN CAFFÈ CON CLEMENS MEYER, FINALISTA CON “ERAVAMO DEI GRANDISSIMI”

Introduce Gaia Rau

Daniel, Mark, Paul e Rico sono cresciuti come “pionieri” nella Germania dell’Est.
Sono gli ultimi anni prima della caduta del Muro e sogni e illusioni sono amplificati dal mito dell’Ovest a portata di mano, tanto più dopo gli eventi dell’89.
Con la Svolta – la riunificazione delle due Germanie – anche la loro vita cambia trasformandosi in una folle corsa fatta di furti d’auto, alcol, paura e rabbia.
Clemens Meyer ci regala un romanzo sulla generazione a cavallo della caduta del Muro raccontata alla Trainspotting con la schiettezza di chi allora cercava di sopravvivere e di inventarsi un futuro nel Selvaggio Est.

Previous postNOCHE FLAMENCA Next postIL CORPO/LA LUCE/IL SUONO 2017 - CAMBIAMENTI