novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 21:30 Concerto

ANTONIO RAGOSTA JAZZ TRIO

Antonio Ragosta | chitarra
Stefano Napoli | basso
Mattia Di Cretico | batteria

Il jazz contaminato dai suoni griot, dalla chitarra portoghese, e da tanto altro ancora.

Antonio Ragosta
Musicista polistrumentista napoletano. Inizia a suonare la chitarra all’età di tredici anni. Nel 2001 si trasferisce a Roma e studia con prestigiosi maestri e si spinge così ad approfondire le possibilità tecniche ed espressive di altri strumenti cordofoni appartenenti a tradizioni musicali diverse quali Oud e chitarra portoghese.
Il percorso artistico di Antonio Ragosta è caratterizzato da una continua attività compositiva confluita in parte nel lavoro discografico “Il mare e l’incanto a Roma est”. Il disco, pubblicato dall’etichetta inglese SLAM nel 2013 e presentato alla Casa del Jazz di Roma, è stato accolto con fervore dalle più importanti testate, dai siti specializzati e dal pubblico che ha garantito il sold out a tutti gli eventi di presentazione del progetto. La sua formazione accademica è stata sempre accompagnata da un fitta attività concertistica, che lo ha visto esibirsi accanto a vari artisti su palcoscenici prestigiosi (Premio Tenco, European Jazz Expo’, Auditorium “Parco della Musica”, Blue Note di Milano, Casa del Jazz di Roma, Italia Africa, Negro Festival, Internet Festival, Foum delle culture Mediterranee, Umbria Folk, World Refuge Day, Ariano Folkfestival, FolkEst, Alimentation General di Parigi, al MuCEM Museum of Mediterranean cultures in Marseille per “Marseille European Capital of Culture”, all’Acropolium di Cartagine per l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, ed in molti altri musei, centri culturali, festival, teatri e club).
Tra le sue collaborazioni ricordiamo quella con il musicista francese Sandro Joyeux; con il musicista Griot senegalese Pape Siriman Kanoutè; con i cantautori italiani Gerardo Casiello, Alessio Bonomo e Paolo Zanardi; con le cantanti Pilar, Titti Smeriglio; gli attori Moni Ovadia e Alessandro Haber.

Previous postINTARSI D'ORIENTE – TRIO MORGAÛ Next postGAVETTONI PARTY!