novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 21:30 Concerto

SOGNO PROTETTO – LUCIO MATRICARDI QUARTETTO

Lucio Matricardi | Piano e voce
Antonio Felicioli | Sax Soprano, Sax Baritono, Flauto traverso, Flauti Etnici
Gianfilippo Fancello| Chitarra
Fulvio Renzi | Violino e Viola

Lo stile di Lucio Matricardi è un felice connubio di tutte le sue esperienze musicali racchiuse e rielaborate in un unico scrigno. I Brani incontrano le ritmiche Brasiliane al folk più pittoresco, musica popolare e jazz, in un caleidoscopio di ritmi che coinvolgono lo spettatore in modo carnale e viscerale, senza rinunciare a brani di tradizione più classica con pianoforte e violino. Forte in lui la presenza della tradizione cantautorale Italiana (De Andrè, Fossati, Capossela) Francese ( Ferrè, Brel) e Sud Americana ( Chico Buarque, Gaetano Veloso). Il tutto arrangiato con musicisti d’eccezione nel tentativo di esplorare una musica nuova, eclettica fresca e totalmente fusa con il testo delle canzoni
Lucio Matricardi. Collabora fin da giovane età con il Festival Leo Ferrè di San Benedetto del Tronto. Ha aperto i concerti di George Moustaki, Jane Birkin, Juliette Greco. Ha condiviso il palco con artisti del calibro di Gino Paoli, il soprano Cecilia Gasdia, il poeta Mauro Macario. Compositore di colonne sonore per il teatro per diverse compagnie marchigiane. Attualmente arrangiatore insieme ai musiciti del suo primo disco
Lo spettacolo è costituito da canzoni inedite di Lucio Matricardi e rappresenta un viaggio dal sogno al risveglio. Un vortico so intrecciarsi di canzoni che conduce lo spettatore a confrontarsi con la realtà che lo circonda partendo dalle sue emozioni.
Sogno protetto parla del sogno e della sua ambivalenza. Può essere vissuto come una campana di vetro fatta di convinzioni o di desideri indotti dalla società e rappresentare una prigionia per lo spirito umano oppure come il tentativo di preservare qualcosa di autentico
e sincero che non andrebbe perduto o come lo slancio verso qualcosa che riesce a renderci veramente felici. Il sogno di partire, il sogno di immergersi in una realtà magica e
zingaresca, il sogno dell’amicizia, Il sogno di voler essere amati senza amare, il sogno dell’attesa di una persona che si ama, il sogno di un matto, il sogno di diventare ribelli, il sogno di una notte infinita dove brindare…

Previous postLA DANZA DELLA TERRA Next postM.A.G. COLLECTIVE - SONG FOR JONI