novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 18:30 Inaugurazione mostra

MIGRANTES PER L’EUROPA

A cura di Luca Paulesu

Dal 30 settembre al 08 ottobre

Con lavori di: Altan, Marian Avramescu, Benny, Mauro Biani, Massimo Bucchi, Horacio Fidel Cardo, Ernesto Cattoni, Lido Contemori, Marco De Angelis, Francesco Dotti, Maddalena Fragnito De Giorgio, Otmar Grissermann, Mihai Ignat, Katerpillar, Valeriu Kurtu, Roberto Mangosi, Goran Milenkovic, Marilena Nardi, Palù, Giuliano Rossetti, Tjeerd Royaards, Gef Sanna, Sergio Staino, Agim Sulay, Arendt Van Dam.

Mostra di satira e per conoscere e interpretare il fenomeno della migrazione. Cittadini europei a confronto con la nuova mobilità umana
L’epocale fenomeno della migrazione osservato attraverso la dissacrante lente della satira.
Il 2017 è l’anno delle celebrazioni del 60° anniversario del Trattato di Roma (1957), che poneva le basi per il riconoscimento del lavoratore comunitario (forma embrionale del cittadino “privilegiato perché europeo”).
La manifestazione “Migrantes per l’Europa” è un’occasione e uno strumento per un confronto diretto sul fenomeno delle nuove migrazioni, sempre più avvertite e presentate come una minaccia dalle popolazioni del Vecchio Continente.
I nuovi soggetti, che fuggono dalla disperazione di Stati tragicamente oppressivi e da Terre dove carestie epocali non consentono la sopravvivenza, sono considerati sempre più entrare in concorrenza con i cittadini, stabili e non, all’interno dello spazio europeo.
Il migrante economico, il rifugiato, sembrano essere diventati i responsabili della chiusura delle frontiere intraeuropee e del ritorno ai nazionalismi nonché dell’impoverimento del sistema di welfare.
Le rappresentazioni grafiche satiriche entrano nel vivo delle definizioni delle nuove soggettività con il commento efficace ed incisivo della retorica che da oltre un decennio accompagna il fenomeno migratorio svelandone le contraddizioni in un paradossale gioco di costruzione e decostruzione della verità.
Il progetto “Migrantes per l’Europa”, finanziato ai sensi della L.R. 7/91 art. 10 dalla Regione Autonoma della Sardegna, è gestito dal circolo “Sardegna” di Bologna con il coordinamento di Antonio Pirisi in collaborazione con: Assessorato del Lavoro della Regione Autonoma della Sardegna, Regione Piemonte, Comune di Burgos (SS), Società Umanitaria Cineteca Sarda di Cagliari, Cineteca di Bologna,  Associazione dei Sardi in Torino “A. Gramsci”, Istituto Gramsci Toscano, Associacão Angolana Njnga Mbande di Firenze, Associazione della Comunità Araba Siriana in Toscana, Associazione culturale Malik di Cagliari, Fondazione Enrico Berlinguer di Cagliari, Museo dell’Emigrazione Comune di Asuni, Associazione “Su Disterru” di Asuni

Previous postMONOLOGUE per OXFAM Next postGROOVA GROOVA