novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 20:00 Proiezione documentario

DIRITTI UMANI E ACCESSO ALLE RISORSE
ECOSOCIAL FILM FESTIVAL – ACQUA E PACE

Di Emanuela Gasbarroni

Giornalista e documentarista, Emanuela Gasbarroni ha esperienza di scrittura, regia e produzione di documentari. Negli ultimi tredici anni ha curato lo studio, la scrittura e a regia di 13 documentari, ambientati nella Regione mediterranea – Paesi arabi (Siria, Libano, Giordania, Israele, Palestina, Egitto, Tunisia, Marocco) – Italia, Francia, Spagna e Albania – e fuori dal contesto Europeo, Indonesia. Le tematiche affrontate hanno riguardato sviluppo, ambiente ,diritti umani.
Ha lavorato con molte Organizzazioni Internazionali, come la Commissione Europea, la Banca Mondiale, la Cooperazione italiana e vari Ministeri di paesi esteri. I film sono stati trasmessi su BBCWorld, Rai, canali arabi nazionali e internazionali e per alcuni ha ricevuto premi.
È giornalista professionista con circa 13 anni di esperienza in radio, cinque per la televisione e quotidiani locali e nazionali, oltre nove anni collaboratrice per la Repubblica.
Ha anche lavorato per strategie e piani di comunicazione in Italia e in Libano, workshop sul documentario in Italia e Egitto al Cairo per 22 studenti arabi alla televisione Egiziana (ERTU).
Ha realizzato interviste a beneficiari in cinque paesi arabi per una pubblicazione del programma europeo Swim, sulla gestione idrica integrata sostenibile nel sud del mediterraneo.
Ha realizzato una web story in tredici puntate sulla storia di Rossella Casini, una ragazza di Firenze uccisa dalla ‘ndrangheta.e andata in onda su Repubblica tv.
Al momento è impegnata nella produzione di un documentario sul campo profughi di Latina, che ha ospitato dal 1956 (invasione Ungheria) fino al 1989 (caduta del muro, circa 80 mila rifugiati che scappavano dai paesi dell’est europeo.

Previous postRAGAZZI SCIMMIA in TRIBUTO A VINICIO CAPOSSELA Next postALTERITA'. L'IDENTITA' COME RELAZIONE - Roberto Marchesini