novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 17:00 Presentazione libro con Autore
In occasione della Giornata nazionale del gatto

IL GATTO CON GLI OCCHIALI
Morgana Edizioni

Prefazione di Gavina Cherchi
Opere visive di Carol Berenyi
Di e con Silvia Vugliano
Presenta Alessandra Borsetti Venier
Saranno presenti l’autore e l’editore

Dalla presenza animale nel nostro mondo e nel nostro immaginario dipende la nostra possibilità di orientamento in un mondo altrimenti incoerente e caotico. A questo nesso salvifico rimandano innumerevoli tracce, dalle metamorfosi ferine delle divinità più antiche, fino ai magici aiutanti che nei miti e nelle fiabe appaiono in forma di animale-guida che conduce chi si è perso per le vie di Questo come dell’Altro Mondo.
In realtà i gatti, fra gli animali guida, sono tutt’altro che numerosi (troppo bizzarri e indipendenti per svolgere il compito fino in fondo?), ma ben rappresentati dal Gatto con gli Stivali, del quale il candido e pacioso gattone Fantasmino, cui – serio ludens – Silvia Vugliano dedica questo suo nuovo libro, arricchito dalle splendide opere visive di Carol Berenyi, è un epigono più riflessivo e sedentario.
Fantasmino è l’animale-guida, in senso spirituale, di Agata, la giovane signora solitaria (alter ego dell’autrice) con cui egli vive, beato e al sicuro, in un casale nella campagna toscana, assieme a molti altri gatti. Nella copertina di Carol Berenyi, Agata, nuda e bellissima, imperturbabile, siede sul suo letto, assorta nella lettura, sotto lo sguardo complice e (per lei) rassicurante dei suoi gatti (uno dei quali, bianco e voluttuoso, sonnecchia fra le sue braccia), custodi silenziosi di quel momento di pace perfetta.
Oltre allo sguardo espressivo dei suoi splendenti occhi blu, Fantasmino possiede anche, e coltiva, il dono della parola, con cui comunica esclusivamente con Agata, che ama e ammira immensamente, non solo perché ha gli occhi azzurri come i suoi, e, mamma-gatta in forma umana, gli offre cose buone da mangiare, morbidi cuscini per dormire, e carezze tenerissime, ma anche perché solo a lei può confidare i dubbi, le curiosità, gli innumerevoli interrogativi “sulla vita, sul mondo e sul suo significato, e soprattutto sulla questione dell’Aldilà” che lo rendono inquieto: non si dà pace infatti da quando, ascoltando certe letture fatte da Agata a voce alta, gli erano sembrate irte di contraddizioni, incoerenze, assurdità. Dunque Fantasmino le parla, parla tanto, fa domande, osservazioni e commenti, le chiede chiarimenti, risposte. Le lunghe, argomentate, talvolta incalzanti conversazioni con Agata solo in parte placano la smania di conoscenza di Fantasmino, che decide di esplorare da solo la vasta biblioteca della casa, alla ricerca di spiegazioni.
(dall’introduzione di Gavina Cherchi).

Previous postIL CORAGGIO È NELLA NEVE - Erica Ercoli Next postRICK HUTTON ACOUSTIC BAND