copertina1
novembre 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

I’ CINEMINO
A cura del Circolo PD 2 Santa Croce – Ciompi – Ciclo Guerra subita

h 21:15 Cineforum

LE ROSE DEL DESERTO

Un film di Mario Monicelli. Con Michele Placido, Giorgio Pasotti, Alessandro Haber, Fulvio Falzarano, Moran Atias – Italia – 2006 – 102′

Il racconto della tragedia attraverso la commedia.

Estate 1940. Le truppe italiane sono in Libia. Il terzo reparto della sezione sanità si accampa in un’oasi sperduta del deserto libico: la convinzione di tutti è che il soggiorno sarà breve, brevissimo. C’è anche un frate fra i soldati: un uomo che aiuta la popolazione locale a sopravvivere sia alla vita difficile che alla guerra. Per tutti il soggiorno in Libia appare più come una missione umanitaria che una guerra. In poco tempo però il conflitto bellico si avvicina in modo impressionante e il campo viene preso d’assalto tanto da soldati in fuga che da feriti. E la guerra prende davvero il sopravvento.
Mario Monicelli, classe 1915, maestro indiscusso del cinema italiano e internazionale, prodigiosa firma di tanti capolavori, è arrivato, in età davvero ammirevole, a firmare la sua sessantacinquesima regia. E ci parla ancora della guerra, come aveva così magistralmente fatto in La grande guerra. Liberamente tratto da “Il deserto della Libia” di Mario Tobino e dal brano “Il soldato Sanna” in “Guerra di Albania” di Giancarlo Fusco, il film non è fra i capolavori del grande regista, ma riserva momenti di grande poesia, ironia e suggestivo immaginario visivo. Perché il tocco di Monicelli c’è e si vede: il racconto della tragedia attraverso la commedia; l’arte della leggerezza e dell’umorismo usati quali veicoli per narrare tragedie altrimenti insopportabili. Rimane in fondo, sempre e comunque, l’ammirazione per un più che novantenne signore che ci ha raccontato nell’arco della sua lunga e prolifica carriera più di cinquant’anni di storia e di società italiana.

Previous postÈ SEMPRE ESTATE Next postR:EXISTANCE - Edoardo Olmi