novembre 2014
OTTOBRE 2014
SETTEMBRE 2014
LUGLIO
giugno
MAGGIO
APRILE
MARZO 2014
FEBBRAIO 2014
GENNAIO 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
OTTOBRE 2013
SETTEMBRE 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
MAGGIO 2012
APRILE 2012
MARZO 2012
FEBBRAIO 2012
GENNAIO 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

h 19:00 Presentazione libro con Autore

SCRITTORI IN JAZZ

A cura di Music Pool
Alessandra Cafiero presenta per il ciclo Letteratura e Jazz:

IL MIO AMICO CHET

Di e con Domenico Manzione.

L’Associazione Music Pool, attiva in Toscana da oltre 35 anni con festival e concerti jazz e di musica popolare, in collaborazione con Le Murate, Caffè Letterario di Firenze, presenta un nuovo appuntamento con “Scrittori in Jazz”, la rassegna che unisce letteratura e musica, proponendo romanzi, saggi e altre pubblicazioni originali che parlano di storie di jazz e di musicisti.

Non tutti sanno che le Mura di Lucca nascondono un cuore che batte al ritmo di Jazz. È uno dei protagonisti della musica in controtempo “made in Lucca” è stato il grande trombettista americano Chet Baker.
Musicista dal volto d’angelo ma dalla vita turbolenta, soprattutto a causa dei suoi famigerati problemi di droga, Chet Baker (Yale, 23 dicembre 1929 – Amsterdam, 13 maggio 1988) arrivò in Toscana alla metà degli anni ’50. A Lucca era ospite fisso all’Hotel Universo, camera n.15 dove, seduto sul davanzale della finestra, spesso suonava la tromba, e in Versilia i suoi fan lo seguivano alla Bussola di Focette e al vicino Bussolotto, dove si facevano le ore piccole al suono di fantastiche jam session.
Ma impresso nella memoria collettiva di tutti i lucchesi, è senz’altro il periodo della sua detenzione nel carcere di San Giorgio dove scontò ben sedici mesi di reclusione. Nemmeno qui, tuttavia, cessò la passione di Baker per la musica e per il suo strumento, la tromba: quotidianamente una piccola folla riunita sulle mura di fronte al carcere, poteva emozionarsi sulle note del grande Chet che si liberavano dalle finestre della prigione.
Questo libro ripercorre la lunga e complessa vicenda giudiziaria di questo affascinante e controverso musicista, affiancando la storia verosimile e coinvolgente di un giovane appassionato di musica e suo grande fan. Anzi, suo amico.

Previous postSENZA LA FERRARI ROSSA - Daiva Lapen - Dj-Set Teo D'Oro Next postETERNAMENTE ERRANDO ERRANDO - Jonathan Rizzo