copertina1
novembre 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

BUON COMPLEANNO VECCHIO HANK

CHARLES BUKOWSKI INCONTRA IL SUO FIGLIO BASTARDO JONATHAN RIZZOWSKI

Di e con JONATHAN RIZZOWSKI accompagnato da Emiliano Bugatti alle tastiere

 

In occasione del genetliaco del Maestro Henry Chinaski il Caffè Letterario Le Murate è lieto di presentare lo spettacolo di poesia ed alcolismo pubblico a cura di Jonathan Rizzo (figlio illegittimo ed indegno). Jhonnysbar (nuova gestione): Il palcoscenico è un luogo onirico ed intangibile dove ritrovarsi come in un vecchio scantinato scalcinato col bicchiere in mano, sempre uno, sempre diverso, a raccontare storie di amori lontani, porti di mare dai sapori esotici, sconfitte e vendette da folli al ritmo spietato del Jazz. Il “Jhonnysbar (nuova gestione)” è un progetto musicale poetico di performance umana fisica con l’illogica passione dell’happening ove tutto possa accadere senza confini. È la vita che brinda a se stessa ed alla sua eterna bellezza perduta.

 

Jonathan Rizzo: Parole e voce, corpo ed anima. Un animale apolide. Radici nel salmastro mediterraneo del Principato elbano, studi storici nel Granducato toscano e palestra di vita sui boulevard parigini. Un gran bastardo senza casa, il cuore lasciato in ostaggio in un paradiso felsineo perduto nella tradizione dei portatori di luce. Ospite con disonore della nuova antologia di poeti fiorentini, “Affluenti”, edizioni Ensemble Roma 2016, ed autore unico dei romanzi folli “L’Illusione parigina” edizioni Porto Seguro Firenze, 2016; ed “Eternamente Errando Errando” edizioni LaSignoria Firenze, 2017. Di prossima uscita nell’autunno del 2018 la silloge poetica “La Giovinezza” per l’edizioni Ensemble di Roma. Poeta senza casa, lo potreste trovare in qualche bettola a leggere le sue poesie disperate con l’accompagnamento musicale dei soliti galeotti delle 7 note col progetto di poesia e musica “Jhonnysbar(Nuova gestione)”, o in quei luridi postribili di cui fingete di non avere memoria, ma dove in verità avete incontrato le vostre compagne d’altare.

Previous postESTREMI CONFINI DELL'ESSERE - Alfonso Belfiore Next postVENTO DELL'ALTROVE. DEDICATO A DINO CAMPANA