copertina1
novembre 2014
DICEMBRE 2013
NOVEMBRE 2013
Dicembre 2012
novembre 2012
DICEMBRE 2011
NOVEMBRE 2011

AMORE MIO NON PIANGERE  -Aska Editore

Di e con Marco Noferi

Modera Sylvia Zanotto

Ospiti a sorpresa

Dice il vocabolario che ‘melanconia’ sta ad indicare uno stato di abbattimento, di perdita del tono vitale, senso di vuoto, tedio e uggia, forse molto vicino alle patologie depressive, oggi così in voga. Può essere: però, per chi vorrà leggere le pagine del libro, l’importante è sapere che questo non è lo stato dell’autore: è invece lo stato del mondo, una contemporaneità finanziaria, spettacolare e immateriale, che tende a dissolvere l’origine di tutte le cose. Nascere a metà degli anni Cinquanta, ha permesso all’autore di conoscere due mondi: prima i contadini, gli operai e i manovali, il saper fare, l’arrangiarsi, le lunghe cotture, la politica e l’essere di parte; e poi tutto quello che è venuto dopo: la semplificazione, l’omogeneizzazione dei sapori e delle competenze, la cucina televisiva, gli edonismi predisposti e replicabili, le socialità artificiali al posto dei circoli e delle piazze. Un assassinio, più o meno, un crimine quotidianamente dimostrato dal rimodellamento della sensibilità ovunque programmato nell’universo mercantile. Che cosa è successo? Forse la grande macchinazione, o un qualunque contagio o un qualunque colpo di stato, chissà, ma ormai l’insalata non sa più di insalata e il pomodoro non sa più di pomodoro. Eppure, si potrebbe provare ancora. Ripartire da qui, dimenticando un poco, rammentando tutto. Si potrebbe provare ancora, con la ragionevolezza della sovversione, la cognizione del gusto e l’emozione della terra: un po’ di sapere, un po’ di saggezza e il più sapore possibile. Appaiono allora l’originale bellezza delle cose, sgangherata ma irriducibile, la visione, l’ebbrezza non molesta, gli occhi aperti e duri come in una guerra, la felicità rotonda delle polpette di lesso avanzato, il pane di ieri che sarà buono domani, le inutili e meravigliose macchie di more là sul confine delle periferie.

Marco Noferi, nato a Montevarchi nel 1955. Quasi laureato in filosofia. Da tanti anni lavora col vino e con l’olio in una piccola cooperativa agricola a Terranuova Bracciolini (Arezzo).

Seguirà una degustazione di vini dell’azienda Paterna

Previous postNIURI TE SULE Canti e incanti dal Salento Next postTHE SHOTS